Eda Pro propone ai manager e agli operatori gli strumenti professionali per interpretare e affrontare il sistema normativo della Gestione dei rifiuti

Milano
Venerdì 28 Giugno 2019
Hotel Michelangelo Milano - Piazza Luigi di Savoia, 6

relatori:

Claudio Rispoli
(Chimico - Consulente ADR)

Loredana Musmeci
(Chimico ambientale ľ Past Capo dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di SanitÓ (ISS))


Coordinamento scientifico: Paola Ficco
Un'importante agevolazione fiscale:
Ai sensi dell’articolo 54, comma 5, del Dpr 917/1986 (T.U. imposte sui redditi) dal 1░ gennaio 2017 le spese per l’iscrizione a master, corsi di formazione o di aggiornamento professionale, convegni e congressi, comprese quelle di viaggio e soggiorno, sono integralmente deducibili dal reddito di lavoro autonomo entro il limite annuo di 10mila euro.
programma iscrizione on-line scarica il modulo d'iscrizione
Seminario

Classificazione dei rifiuti. Gli impatti operativi della sentenza Corte di Giustizia Ue del 28 marzo 2019

La Sentenza della Corte UE del 28 marzo 2019 (cause riunite da C-487/17 A C-489/17), incide in modo determinante sulle modalità di valutazione delle caratteristiche di pericolo dei rifiuti codificati con codici speculari. Dal punto di vista tecnico nulla è mutato, ma l'impostazione del processo logico da attuare, il tipo e la qualità delle documentazioni di supporto sono finalmente posti in una nuova luce, insieme al principio di precauzione, declinato in modo inequivocabile e da ricondursi sempre al caso specifico.Sono riaffermati i chiari e inderogabili oneri a carico del produttore del rifiuto, cui concorrono eventuali terzi coinvolti nel processo di classificazione, quali laboratori di analisi, professionisti etc.

Il seminario ripercorre il "sistema" vigente (disciplina tecnica, definizioni di legge, oneri e responsabilità, Regolamenti) rileggendolo alla luce della Sentenza. Si approfondiscono inoltre le indicazioni fornite dalla Comunicazione della Commissione del 9 aprile 2018, seppur solo parzialmente risolutive di molte incertezze. Sulla base di questi nuovi elementi emerge oggi un percorso nitido da seguire per la valutazione, con importanti cambiamenti di ordine pratico.Verrà data particolare enfasi all’analisi di casi concreti di classificazione di diverse tipologie di rifiuti.

Si impone quindi la revisione delle classificazioni in essere e delle documentazioni di supporto a queste, è ovvio che sono chiamati a questo sforzo, oltre ai produttori di rifiuti, i tanti laboratori/consulenti che forniscono servizi di classificazione, che sono tenuti a rivedere la propria organizzazione e le procedure operative fin qui adottate, ma anche gli Enti competenti che impongono prescrizioni autorizzative inerenti la classificazione dovranno adeguarsi di conseguenza.

Destinatari:

Responsabili delle aziende che producono rifiuti.
Responsabili tecnici e addetti di aziende che effettuano attività di trasporto, trattamento, recupero e smaltimento dei rifiuti.
Professionisti titolari di laboratori di analisi.
Consulenti ambientali.

Inoltre, potranno trovare interesse le figure professionali incaricate di gestire le problematiche legislative e quelle inerenti Qualità e Ambiente presso Enti pubblici competenti o Autorità di controllo.


Programma

Ore 9:30 Registrazione dei partecipanti 

Claudio Rispoli

CLASSIFICAZIONE: IL QUADRO NORMATIVO DI BASE

  • La disciplina della classificazione dei rifiuti
  • Le definizioni
  • Gli strumenti primari: l’Elenco Europeo dei Rifiuti e le caratteristiche di pericolo: peculiarità
  • Il criterio di concentrazione e i codici “speculari”
  • Gli strumenti secondari: cosa serve per applicare la disciplina sulla classificazione
  • I limiti del sistema ed i disallineamenti con altre norme

Ore 11:00 Pausa caffè

Ore 11:15 Ripresa dei lavori

CLASSIFICAZIONE: IL NUOVO PERCORSO LOGICO

  • La Sentenza della Corte UE 29 marzo 2019
  • Gli orientamenti tecnici della Commissione del 2018

Ore 13:00 Colazione di lavoro

Ore 13:45 Ripresa dei lavori

OPERATIVITA’ ED ESEMPI CONCRETI DI CLASSIFICAZIONE DI DIVERSE TIPOLOGIE DI RIFIUTI

Claudio Rispoli

  • Documentare la valutazione delle caratteristiche di pericolo
  • Il principio di precauzione e le classificazioni "cautelative"
  • Analisi, relazioni: quali, quando, come alternative
  • Il campionamento dei rifiuti
  • Esempi

Loredana Musmeci

  • La sentenza della Corte UE ha influenza sulla assegnazione della caratteristica di pericolo HP14 e sulla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi?
  • Esame della attuale situazione, sia normativa che tecnica, alla luce del Regolamento 2017/997. Confronto con i criteri riportati nell’ADR e nel Regolamento 1272/2008 (CLP) e loro applicabilità
  • Esempi pratici di classificazione per HP14, confrontando le varie discipline vigenti

Le questioni emerse nel corso della discussione su tali argomenti saranno oggetto di successivi approfondimenti sulla Rivista “Rifiuti – Bollettino di informazione normativa” da parte del Cons. Pasquale Fimiani (Sostituto Procuratore generale presso la Corte di Cassazione). 

Ore 17:30 Ripresa dei lavori


Iscrizione

Quota di adesione
euro 400,00 + IVA euro 88,00 totale euro 488,00

La quota comprende: materiale di supporto, attestato di partecipazione, colazione di lavoro

Sconti

è previsto uno sconto per:
- abbonati alla rivista “Rifiuti - Bollettino di informazione normativa”
- abbonati al servizio “Rifiuti on-line”
- abbonati al servizio “Osservatorio di normativa ambientale”

Ŕ previsto uno sconto per iscrizioni multiple

Chiusura delle iscrizioni: Giovedì 20 Giugno 2019

dopo tale data l'iscrizione Ŕ possibile solo previo contatto telefonico con la Segreteria
02.45487380 (numero diretto)

Modalità d'iscrizione

La quota di adesione deve essere versata all’atto dell’iscrizione.

L’iscrizione pu˛ essere effettuata anche:
prendendo contatti telefonici
linea diretta 02 45487380
inviando un fax 02 45487333
inviando una e-mail: segreteria.formazione@edapro.it

Il Seminario sarà confermato solo al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.

Disdetta

Il diritto di recesso potrÓ essere esercitato fino a 7 giorni lavorativi (sabato compreso) prima della data del seminario e darÓ diritto al rimborso completo della quota di adesione. Oltre tale limite, e fino al giorno precedente il seminario, il partecipante potrÓ recedere riconoscendo a Edizioni Ambiente un corrispettivo del 25% della quota di adesione. Dopo tale data, qualunque ulteriore rinuncia non darÓ diritto ad alcun rimborso.

Il recesso dovrÓ essere comunicato via e-mail alla Segreteria Organizzativa segreteria.formazione@edapro.it

╚ invece possibile sostituire in qualsiasi momento il partecipante al seminario, previa comunicazione del nuovo nominativo alla segreteria organizzativa.