Eda Pro propone ai manager e agli operatori gli strumenti professionali per interpretare e affrontare il sistema normativo della Gestione dei rifiuti

Formazione online
Martedì 10 novembre - martedì 17 novembre 2020
Seminario chiuso per raggiunto limite di partecipanti

relatori:

Paola Ficco
(Avvocato in Roma – Giurista ambientale)

Rosanna Laraia
(Esperto ambientale – past Dirigente Servizio Rifiuti ISPRA)

Daniele Bagon
(Segretario Albo nazionale gestori ambientali – Sezione regionale Liguria)

Stefania Pallotta
(Responsabile Unità Legalità e Ambiente Città metropolitana di Venezia)

Silvia Navach
(Giurista)


Coordinamento scientifico: Paola Ficco
Un'importante agevolazione fiscale:
Ai sensi dell’articolo 54, comma 5, del Dpr 917/1986 (T.U. imposte sui redditi) dal 1° gennaio 2017 le spese per l’iscrizione a master, corsi di formazione o di aggiornamento professionale, convegni e congressi, comprese quelle di viaggio e soggiorno, sono integralmente deducibili dal reddito di lavoro autonomo entro il limite annuo di 10mila euro.

Seminario chiuso per raggiunto limite di partecipanti

È possibile iscriversi anche a una singola giornata formativa
MiniMaster

Rifiuti, tra un nuovo "Codice ambientale" e discariche: I nuovi decreti nella logica dell'economia circolare

Norme e scenari tutti nuovi che ridisegnano obblighi e sistemi gestionali

 

Non sei riuscito a iscriverti per tempo?  

Vai al programma della terza edizione del 1 e 3 dicembre 2020!

 

Cos’è?

Un vero e proprio percorso formativo, interattivo, online articolato su 2 giorni* in diretta e moduli di approfondimento registrati sulle parti salienti della recente riforma sui rifiuti e sulle discariche

• Il primo giorno (10 novembre dalle ore 10:00 alle ore 12:00)in diretta

GESTIONE RIFIUTI ALLA LUCE DEL NUOVO CODICE AMBIENTALE (docente: Paola Ficco).

Dal pomeriggio sono quindi resi accessibili gli approfondimenti registrati  (Paola Ficco, Daniele Bagon, Stefania Pallotta, Silvia Navach) sulle singole tematiche che i partecipanti consulteranno nel tempo messo a loro disposizione, fino al 29 novembre.

• Il secondo giorno (17 novembre dalle ore 10:00 alle ore 12:00): in diretta

DISCARICHE E CRITERI DI AMMISSIBILITÀ ALLA LUCE DEL NUOVO DECRETO (docente: Rosanna Laraia).

Dal pomeriggio sono quindi resi accessibili gli approfondimenti registrati (Rosanna Laraia) sulle singole tematiche che i partecipanti consulteranno nel tempo messo a loro disposizione, fino al 29 novembre.

Per ulteriori quesiti che derivano dallo studio dei materiali i partecipanti potranno porre le loro domande (non più di una ciascuno) entro il 20 novembre e riceveranno le risposte attraverso un video registrato nell’area riservata del sito.

* È possibile iscriversi anche a una singola giornata formativa

 

Introduzione

Il Consiglio dei ministri del 7 agosto 2020 ha approvato i quattro decreti legislativi che traducono sul piano nazionale, le direttive europee che compongono il cd. “pacchetto sull’economia circolare”.Lo scenario è ampio e tocca: veicoli fuori uso; pile e accumulatori e relativi rifiuti; Raee; discariche; rifiuti, imballaggi e relativi rifiuti.

Le modifiche incidono direttamente sul tenore dei seguenti provvedimenti esistenti: Dlgs 209/2003 (veicoli fuori uso); Dlgs 188/2008 (pile e accumulatori); Dlgs 49/2014 (Raee); Dlgs 36/2003 (discariche); Dlgs 152/2006, parte quarta (rifiuti, imballaggi e rifiuti di imballaggio). La “parte del leone” la fanno sicuramente i rifiuti e le discariche, con norme tutte nuove e scenari che ridisegnano obblighi e sistemi gestionali.

Pertanto, la formazione permanente della Rivista RIFIUTI non manca l’atteso appuntamento con la Pubblica amministrazione e le imprese per fare il punto sulle fondamentali modifiche intervenute su questi due argomenti nodali, oggetto di due diversi decreti legislativi e di due, altrettanto diverse, giornate formative.

La progressiva riduzione del ricorso alla discarica è il primo vero passo verso un’economia realmente circolare dove occorre implementare le azioni indicate dal provvedimento su rifiuti. Le norme sui rifiuti, infatti, accelerano sulla prevenzione della produzione dei rifiuti e sul recupero di quelli che (inevitabilmente) sono prodotti; rafforzano la responsabilità estesa del produttore dei beni da cui si originano i rifiuti e migliorano la tracciabilità di quelli prodotti. Del che c’è contiguità logica nella parte relativa ai rifiuti che prevede prioritariamente la prevenzione della produzione di rifiuti e la riduzione dello smaltimento finale.


Programma

WEBINAR LIVE 

Primo giorno 10 novembre 2020

Dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Paola Ficco

Scenario introduttivo, i piani nazionali di prevenzione e di gestione e le novità salienti (centri di raccolta, la preparazione per il riutilizzo, le modifiche agli allegati ecc.)

APPROFONDIMENTI REGISTRATI

Disponibili ai partecipanti nell’area riservata del sito https://formazione.edapro.it dal 10 novembre al 29 novembre 2020 

Paola Ficco

• Responsabilità estesa del produttore: la rivoluzione copernicana per i produttori di beni da cui derivano rifiuti

• Le nuove definizioni

• La trasformazione del deposito temporaneo

• Le responsabilità e l’attestazione di avvenuto smaltimento

• Attività manutentiva e sanitaria, cosa cambia

• Gli (ex) assimilati agli urbani

Daniele Bagon

• Registro elettronico, formulario, registro cronologico, catasto: la tracciabilità di oggi e di domani e il recupero dei contributi Sistri

• Registri e formulari: le nuove sanzioni

• Il trasporto intermodale

Stefania Pallotta

• Le nuove sanzioni amministrative introdotte dalla revisione dell'art. 258, Dlgs 152/2006 

Silvia Navach

• Veicoli fuori uso e le novità di cui al Dlgs 119/2020

 

WEBINAR LIVE 

Secondo giorno 17 novembre 2020

Dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Rosanna Laraia

Scenario introduttivo e principali modifiche. La delega al Governo e la “fusione” della disciplina in un unico testo

APPROFONDIMENTI REGISTRATI

Rosanna Laraia

Disponibili ai partecipanti nell’area riservata del sito https://formazione.edapro.it dal 17 novembre al 29 novembre 2020 

• I nuovi criteri per l’ammissibilità dei rifiuti in discarica e gli adempimenti per il conferimento che disciplinano il conferimento di rifiuti in discarica

• L’obiettivo di riduzione entro il 2035 e la pianificazione regionale. Il sistema di calcolo

• Cosa confluisce e cosa no nel calcolo del peso

• Criteri costruttivi e gestionali. Il piano di monitoraggio e controllo

• La procedura di “Valutazione del rischio”,

• I criteri tecnici per stabilire quando il trattamento non è necessario ai fini dello smaltimento in discarica per i rifiuti da raccolta differenziata e da spazzamento strade

• modalità e frequenza per la misurazione dell’Indice di respirazione dinamico potenziale (Irdp).

 

Per ulteriori quesiti che derivano dallo studio dei materiali i partecipanti potranno porre le loro domande (non più di una ciascuno) entro il 20 novembre e riceveranno le risposte attraverso un video registrato nell’area riservata del sito